Numero sessantaquattro

Numero sessantaquattro

I bagliori dei lampi squarciavano quel cielo scuro in lontananza, sfondo di quel mare verde smeraldo ancora per poco accarezzato dal sole.

Le folate di vento sferzavano il silenzio di quella spiaggia ormai desolata, abbandonata dalla maggior parte delle persone allarmate da quel temporale ormai prossimo.

Immobile, osservava seduta quel meraviglioso contrasto di colori all’orizzonte, con un telo adagiato sulle spalle per ripararsi dai granelli di sabbia alzati dal vento.

Con un sorriso amaro sul volto, pensava che non poteva esistere luogo più adatto a descrivere la sua malinconia, il suo stato d’animo.

La decisione di lui di lasciarla sola in quel periodo difficile aveva portato lacrime e insicurezza, ma le aveva anche insegnato che certe tempeste a volte non arrivano per caso, aiutano solo a capire chi si ha al proprio fianco.

La vita mostra spesso il panorama che i propri occhi hanno bisogno di vedere.